Bilancio di Sostenibilità 2019

La performance economica

Oltre 43 MILIONI DI EURO di importazioni evitate

L’industria del riciclo nazionale permette, attraverso la produzione di materie prime seconde, di evitare l’importazione di materie prime, generando un vantaggio economico netto per il Paese, che in prima approssimazione, può essere quantificato applicando ai quantitativi dei singoli materiali recuperati i rispettivi prezzi di mercato.

I Sistemi Collettivi come Remedia giocano un ruolo fondamentale nell’industria del riciclo in quanto, attraverso il re-inserimento nel mercato di materie prime seconde, permettono di ridurre l’importazione di materie prime dall’estero, generando un concreto e tangibile vantaggio economico per il Paese. Questo vantaggio alimenta un’economia fortemente legata al territorio e può essere quantificato applicando ai volumi dei materiali recuperati il rispettivo prezzo, variabile di anno in anno a seconda dell’andamento fluttuante dei mercati.

Circa l’89% dei RAEE domestici gestiti da Remedia nel 2019 è stato avviato a recupero di materia. Di queste 103.147 tonnellate, il 93% è costituito da rame, piombo, alluminio, plastica, rottame di ferro e vetro, materiali ad alto valore aggiunto, il cui recupero ha permesso di risparmiare oltre 43,3 milioni di euro di importazioni di materie prime.

Quasi 30 MILIONI DI EURO di valore economico distribuito dal Consorzio

Essendo un Consorzio no profit, l’obiettivo di Remedia non è quello di aumentare i propri ricavi, che derivano dai contributi dei Produttori a copertura dei costi di gestione delle AEE giunte a fine vita, ma quello di massimizzare le proprie performance ambientali nel modo economicamente più efficiente, ossia con l’obiettivo di ridurre i contributi richiesti ai Produttori per unità di rifiuti gestiti.

Per il Consorzio esiste un forte legame tra tutela ambientale e performance economica. Quest’ultima di fatti è fondamentale per garantire il pieno rispetto degli standard ambientali oltre che permettere a Remedia di innovare e migliorare costantemente i propri processi garantendo costantemente massimi livelli di qualità.

Nel 2019 Remedia ha generato un valore economico pari a 38,4 milioni di euro, in aumento del 42,5% rispetto al valore generato nel 2018, per lo più derivante dal contributo ambientale corrisposto al Consorzio da parte dei Produttori.

Nel corso dell’esercizio 2019, Remedia ha distribuito ai suoi diversi stakeholder, a copertura dei costi sostenuti dal Consorzio durante l’anno per le attività di raccolta e recupero dei rifiuti, 29,6 milioni, pari al 77,2% del valore economico generato.

 

Scarica il pdf completo del Bilancio di Sostenibilità 2019