Green Economy Report 2018

Organizzazione

Remedia oggi

Consorzio Remedia nasce nel 2005, dall’impegno di 44 produttori dell’industria hi-tech, con lo scopo di accompagnare le imprese verso una corretta gestione dei rifiuti tecnologici. Nel 2018 Remedia festeggia un decennio dal primo ritiro di RAEE in Italia, effettuato nel piccolo Comune di Tribogna a inizio 2008.

Da allora, le aziende associate che si affidano al Consorzio per adempiere agli obblighi di legge relativi ai Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche – RAEE – (dapprima il D.Lgs. 151/2005 e successivamente il D.Lgs. 49/2014) e alle pile e accumulatori (D.Lgs. 188/08), nel rispetto di quanto stabilito dalle Direttive europee per una corretta gestione dei rifiuti tecnologici, sono cresciute fino a raggiungere quota 2.200, per le quali Remedia gestisce mediamente oltre 100.000 tonnellate di rifiuti annui. Queste cifre fanno di Remedia il primo Consorzio in Italia per la gestione eco-sostenibile dei RAEE, pile e accumulatori a fine vita, e uno tra i più importanti a livello europeo.

Nel 2012 viene fondata Remedia TSR, oggi tra le aziende leader del settore ambientale, che offre servizi dedicati al fine vita dei rifiuti tecnologici, attraverso una gestione innovativa ed eco-sostenibile.

Grazie al consolidato know-how di settore e alle specifiche competenze maturate negli anni, Remedia TSR opera su tutto il territorio nazionale, assicurando le migliori performance nel riutilizzo e nel riciclo, con particolare attenzione alla tracciabilità dei flussi, alla sicurezza dei processi di riciclo e alla valorizzazione del materiale recuperato.

Remedia TSR è partecipata per il 60% da Consorzio Remedia e per il 40% da Interseroh, società appartenente ad ALBA Group, multinazionale operante nel campo dei servizi ambientali e del riciclo.

Remedia è tra i principali promotori di processi innovativi volti al riciclo secondo i principi di economia circolare, contribuendo alla sostenibilità ambientale, economica e sociale. Il suo operato è da sempre ispirato alla massimizzazione del recupero dei materiali derivanti dai rifiuti, al fine del loro reinserimento nel ciclo produttivo, tenendo conto sia dell’efficienza nei processi di trattamento sia del rispetto dell’ambiente, evitando la dispersione di sostanze inquinanti.

La determinazione nel guidare il sistema verso obiettivi di innovazione, qualità ed efficienza, ha consentito di superare le 550 mila tonnellate di rifiuti tecnologici gestiti in 10 anni, chiudendo il 2018 con un nuovo record annuale di raccolta, oltre 55 mila ritiri RAEE e più di mille per le pile e accumulatori.

Governance

La normativa di riferimento sui RAEE (D.Lgs 49/2014) richiede ai Sistemi Collettivi specifiche modalità organizzative e regole di governance: i Consorzi sono chiamati ad uniformarsi allo Statuto tipo al fine di garantire e sostenere – per conto dei propri Soci – il recepimento di tutte le prescrizioni di legge per una gestione corretta dei rifiuti tecnologici. Lo Statuto, oltre a definire gli organi di rappresentanza con i relativi poteri e deleghe, i meccanismi e gli organi di controllo, definisce anche i criteri di adesione dei Soci al Sistema Consortile, nonchè diritti, doveri e obblighi di versamento dei contributi ambientali.

Remedia è un Sistema Collettivo dei Produttori e solo i rappresentanti dei Produttori ne determinano strategie e linee guida.

Scarica il pdf completo del Green Economy Report 2018